ConveyThis

facebook
instagram
messenger

facebook
instagram
messenger

Privacy Policy   

  

 

475187

News

Bernardeschi, da diamante a flop: c’era una volta Brunelleschi

20/05/2022 08:22

redazione

Bernardeschi, da diamante a flop: c’era una volta Brunelleschi

Bernardeschi, da diamante a flop: c’era una volta Brunelleschi

La parabola di Federico Bernardeschi, da talento del calcio italiano a esubero scaricato dalla Juve che non gli rinnoverà il contratto

Correva l’anno 2017 quando Federico Bernardeschi mandò in ebollizione la piazza fiorentina accettando la corte della Juve. Non senza qualche sotterfugio, basti ricordare la famigerata vicenda del certificato medico.

DA BAGGIO A VLAHOVIC, LA TOP 5 DELLE INCAZZATURE VIOLA – VIDEO

La Vecchia Signora sborsò la bellezza di 40 milioni di Euro per assicurarsi l’astro nascente del calcio italiano, dal mancino fatato e dalla tecnica sopraffina. In Viola si era affermato come esterno d’attacco dall’assist facile e con il discreto bottino di 23 reti in 93 presenze ufficiali.

Numeri abbaglianti come le sue giocate, che però in bianconero raramente si sono apprezzate. Con cifre quasi imbarazzanti se paragonate a quelle prodotte all’ombra del Duomo: 12 gol in 182 caps in bianconero per oscurare le velleità da campione e ritrovarsi il più delle volte umile gregario senza identità.

Perché è impossibile non definire un flop l’evoluzione di Bernardeschi, vittima un po’ di se stesso e un po’ del continuo peregrinare tra un ruolo e l’altro, tra una posizione e l’altra.

Trequartista, esterno d’attacco, mezzala di centrocampo, laterale a tutta fascia, talvolta persino terzino. Allegri, Sarri e Pirlo le hanno provate un po’ tutte per metterlo a suo agio, senza però mai ricavarne granché in rapporto alle aspettative.

bernardeschi.jpeg
274014169_736225563997844_3046981120027746730_n.jpeg

Rimani aggiornato su tutte le novità. Lasciaci la tua mail qui accanto

Iscriviti alla Newsletter

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder